La città del ghiaccio

Agli inizi della sua storia complicata, Igloo City, nel 1970, era stata concepita per una duplice funzionalita: per rendere omaggio al popolo Inuit e, ovviamente, per trarre profitto dal suo imponente hotel. Ma nessuno dei due obiettivi è stato mai realizzato: il progetto è stato abbandonato senza aver conosciuto la parola “fine”. La “città del ghiaccio” è, comunque, una meta turistica: di certo non per le iniziali intenzioni, bensì per quell’ambiente suggestivo così ricercato dagli amanti dei luoghi abbandonati.

Si trova sulla Parks Highway George, 180 miglia da Anchorage sulla rotta verso Fairbanks. La struttura in cemento armato ha resistito molto al rigido clima dell’Alaska, ed è riuscito a mantenersi in piedi nonostante i decenni di polvere, macerie ed intemperie. A quanto pare il progetto ha subìto l’arresto perché potrebbe aver violato alcune leggi. O forse era semplicemente troppo costoso ed erano terminati i soldi ad esso destinati. Anche abbatterlo sarebbe stato troppo costoso, e così è stato abbandonato.

I suoi interni mostrano, ancora oggi, la struttura divisa in quattro piani, interamente in legno, molto buia e per nulla accogliente. Fino a qualche anno fa c’era un lucchetto alla porta, per proteggere la struttura dai visitatori curiosi, ma oggi non più. E potrete visionare con i vostri occhi questo brutto esempio di spreco di denaro. Anche perché le speranze che il progetto possa essere ripreso sono quasi inesistenti: la città più vicina, a venti chilometri di distanza, è Cantwell. All’ultimo censimento questa aveva una popolazione di 222 abitanti, neanche minimamente sufficiente per attrarre turisti in questi luoghi così freddi e poco accoglienti.

You may also like...