Le oasi

Sono meravigliosi fenomeni naturali, le oasi nel deserto, paesaggi lussureggianti immersi nell’aridità dei deserti del mondo. Per oasi si intende tutto il complesso ecosistema formato attorno a una risorsa idrica naturale, una sorgente o una risorsa ricavata dal sottosuolo, tipicamente un pozzo. Attorno al bacino d’acqua si sviluppano palmeti e villaggi, e l’area è sfruttata per la coltivazione di datteri, fichi, olive, pesche e albicocche.

Dai tempi antichi le oasi rappresentano tappe fondamentali sulle strade delle carovane che attraversano i deserti più impervi. In Egitto ad esempio le oasi di Siwa, Bahariya, Farafra, Dakhla e Kharga sono anche siti archeologici e luoghi dove ritrovare l’antico fascino delle società berbere. Fayun, la più vicina al Cairo, è la più grande ed è una rinomata meta turistica, anche per i suoi sistemi d’irrigazione.
Nella valle del Draa in Marocco, si sono sviluppati numerosi insediamenti grazie a questo bacino d’acqua che si riempie con le precipitazioni abbondanti, le oasi che sorgono come miraggi in un paesaggio pietroso di montagne incantate. Scoprire le oasi è una curiosità all’interno di un viaggio in Marocco come conoscere i sapori della cucina marocchina.

Nella regione del Gansun in Cina si trova il Deserto dei Gobi, a pochi chilometri da Dunhuang, sorge un’oasi davvero spettacolare, dichiarata Patrimonio dell’Umanità: Crescent Lake, con uno specchio d’acqua a forma di mezzaluna. Mentre in California sono famose le oasi all’interno del Parco nazionale del Joshua Tree: come la Twentynine Palms. Questi come altri sono luoghi degni di una particolare attenzione durante un viaggio, per come la natura sa essere incredibile.

You may also like...