Spiagge nudiste

Il nudismo è nato in Germania sul finire del XIX secolo come “cultura del corpo libero” (Freikörperkultur); il suo sviluppo inizia subito dopo la Prima Guerra Mondiale, estendendosi in pochi anni a gran parte dell’Europa, particolarmente in Francia, Danimarca, Svezia e nella ex Jugoslavia (oggi Croazia). Praticare sport,condividere spazi, instaurare relazioni umane, tutto senza tener conto dellapropria nudità, anzi senza il filtro degli abiti che spesso rappresentano uno strumento identificativo sociale e culturale, e senza un rapporto diretto conla sessualità.

Un vero stacco dallaquotidianità per la riscoperta di modi di vita e approcci finalmente insintonia con le più semplici e basilari esigenze. Secondo l’American Association of Nude Recreation, il nudo in vacanza è più rilassante, allevia lo stress e offre ai viaggiatori una tregua dai posti affollati. Ecco quindi i consigli di Skyscanner per una vacanza da nudista al top: cinque luoghi perfetti per vacanzieri nudisti o luoghi dove è possibile gironzolare senza vestiti. E, stavolta, non parliamo di spiagge.

La Bay to Breakers, a San Francisco, è una gara di quasi 15 chilometri tra le più popolari al mondo: attraversando San Francisco da est a ovest, la manifestazione si svolge la terza fine settimana di maggio e richiama migliaia di partecipanti, molti dei quali in costume adamitico. La Black’s Beach, in California, ha un fascino tutto particolare: due chilometri di sabbia, fiancheggiata da scogliere scoscese, un luogo popolare per gli alianti. Nei fine settimana, cercate il Black Beach Bares, un gruppo di naturisti locali che, tra l’altro, gestiscono alcuni campi da pallavolo. The Blue Lagoon, in Islanda, propone temperature da congelamento, ma anche meravigliose piscine geotermiche: una volta spogliati vi potrete godere una minuziosa doccia (uomini e donne in aree separate).

Presso il Black Rock Desert, in Nevada, c’è Burning Man: una settimana di festa nel deserto, un fenomeno di massa artistico-culturale iniziato come un falo per il solstizio alla Baker Beach di San Francisco, la seconda più vecchia spiaggia nudista in America. Terminiamo con i Turkish Baths, a Budapest: qui gli abitanti hanno goduto per secoli dei salutari benefici dei bagni della città, alimentati da più di 100 sorgenti di acqua calda. Ma anche i turisti possono attingere a queste acque benefiche, o gyogyviz, in uno dei tanti bagni termali, tra i più popolari ci sono Szechenyi, Gellert, e i bagni Rudas.

You may also like...